Non si placano le polemiche dopo lo sgombero del campo sinti di Gallarate. Anche fra i cittadini c’è chi prende le difese del sindaco leghista Andrea Cassani e chi critica la decisione presa dal primo cittadino, colpevole di non aver pensato a un’alternativa prima di allontanare la comunità dalle loro case mobili.

Dal canto loro, i sinti si sono sempre dichiarati integrati nella comunità di Gallarate, affermando persino che molti non sapessero dell’esistenza del campo fino a quando non si è proceduto con lo sgombero dello stesso. Sono in molti, infatti, i gallaratesi confusi dalla vicenda, fra chi li scambia con i rom, chi ancora non sa che sono tutti cittadini italiani o che si sorprende a sentirli nominare. “Non sono d’accordo con un’azione del genere – dichiara un gallaratese ai microfoni del fattoquotidiano.it – si doveva trovare una soluzione prima, vista anche la spesa sostenuta dal comune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, 19enne in terapia intensiva per meningite. Non è in pericolo di vita. In venti sottoposti a profilassi

prev
Articolo Successivo

Furto a casa del giornalista di Fanpage autore dell’inchiesta sui rifiuti in Campania: rubati pc e cellulari

next