Dalle pieghe del maxiemendamento arriva un sostanzio aiuto economico per Venezia. La legge di bilancio autorizza, infatti, il Comune di Venezia a istituire una tassa di sbarco, ovvero un obolo che ogni turista che arriva in città deve pagare. Era stato il sindaco Luigi Brugnaro a parlarne alcuni giorni fa, anticipando quello che si è puntualmente verificato.

Nella giungla della finanziaria bisogna arrivare all’articolo che contiene il comma 653 quaterdecies in cui è previsto che il Comune possa applicare la tassa per l’accesso con qualsiasi vettore al centro storico e alle isole della Laguna. Il contributo di 2,50 euro pro capite (che in certi giorni può arrivare a 5 euro) è comunque alternativo alla tassa di soggiorno (che in via ipotetica può raggiungere anche i 10 euro al giorno). Chi si occuperà della riscossione? La somma verrà pagata assieme al prezzo del biglietto e saranno le compagnie di trasporto o di navigazione ad applicare la maggiorazione. In realtà si tratta di una imposta, per cui spetta sempre alle compagnie effettuare la dichiarazione e gli adempi previsti dalla legge e dal regolamento comunale.

Si tratta di un provvedimento che non riguarda i residenti nel Comune, chi raggiunge Venezia per lavoro o per studio. La richiesta era partita dal sindaco Brugnaro il quale ritiene di utilizzare gli introiti a sostegno del turismo e dei servizi pubblici locali, nonché al recupero di beni culturali e ambientali. La norma punta a ridurre i disagi che la città sta sopportando a causa del turismo di massa mordi e fuggi, costituito da quelle persone che raggiungono Venezia senza però pernottarvi. E non si tratta di cifre irrisorie, se si calcola che circa i due terzi dei turisti che raggiungono Venezia costituiscono l’esercito di chi arriva e riparte in giornata.

In attesa che la Camera dei deputati confermi ciò che è stato votato in Senato, sarà interessante verificare, in fase applicativa, come la tassa si estenderà anche a chi arriva in treno o con altri mezzi di trasporto e, quindi, non solo con un mezzo acqueo. In questo caso, più che di tassa di sbarco, si tratta di una vera e propria tassa di accesso alla città. Nel territorio comunale di Venezia, nel 2017, si sono registrati 5.034.882 arrivi e 11.685.819 presenze. A segnare la performance migliore è il centro storico, che ha registrato una crescita del 9% in fatto di arrivi e dell’11,6% in fatto di presenze (in termini assoluti sono stati rispettivamente 3.155.548 e 7.862.292).

Brugnaro è soddisfatto. Qualche perplessità dagli albergatori. Marco Michielli, veneziano e vicepresidente nazionale di Federlaberghi, commenta: “La tassa di ingresso ha un senso, perché penalizza chi non lascia un centesimo in città. Invece una tassa di soggiorno troppo alta penalizza solo i clienti che spendono negli alberghi, e quindi anche nei ristoranti e nei negozi. Le statistiche dimostra che chi soggiorna in una città d’arte spende meno per l’albergo rispetto alle spese accessori per vitto e shopping”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Battista annuncia: “Sto tornando, mi vedrò con Luigi. Poi devo difendermi dalle str… che scrivono su di me”

next
Articolo Successivo

Bolzano, l’intesa tra Svp e Lega scricchiola per il disegno di legge di Roberto Calderoli sulla riforma dei collegi

next