La regione Basilicata ha deciso. L’impianto eolico verrà realizzato. Proprio a ridosso del faggeto di Moliterno, nella provincia di Potenza, all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Angri-Lagonagrese. La determinazione dirigenziale n. 999 del 12 ottobre 2018 pone termine a una questione che si trascinava da anni. Con l’autorizzazione paesaggistica, rilasciata dall’ufficio Urbanistica e pianificazione territoriale del dipartimento Ambiente ed energia, la società Strategic Energy Reusorces può iniziare i lavori dell’“impianto mini eolico della potenza complessiva di 420 kW e opere di rete per la connessione”.

Insomma tutto in regola. I permessi ci sono, compreso quello della Sovrintendenza, come sostengono dall’ufficio Urbanistica e pianificazione territoriale della Regione. Tutto in regola, nonostante il contesto ambientale sia di notevole interesse naturalistico. Al punto che il faggeto, in prossimità del quale sarà realizzato l’impianto, risulta inserito nella Rete Natura 2000, cioè il principale strumento della politica dell’Unione europea per la conservazione della biodiversità. Infatti ne sono elementi costitutivi “una notevole varietà di tipologie vegetazionali, tra cui un lembo di fustaia di faggio e cerro di notevole bellezza ed esuberanza vegetativa, relitto delle secolari formazioni d’alto fusto risparmiate dai tagli che, tra il XIX e il XX secolo, hanno fortemente ridotto le superfici forestali della Basilicata. Sono ancora presenti all’interno del bosco esemplari di faggio che sfiorano i 30 metri di altezza ed un metro di diametro”, si legge nella descrizione del sito riportata nel portale della Regione.

Non solo. Il faggeto è anche uno dei Siti di interesse comunitario della Basilicata, cioè una delle località di rilevante interesse ambientale in ambito Cee riferiti alla regione biogeografica mediterranea. Non basta. Già nel 1979 veniva segnalato nel Censimento dei biotipi di rilevante interesse vegetazionale meritevoli di conservazione in Italia. Sarebbe dovuto bastare questo “contesto” per dissuadere le autorità competenti dal rilasciare le diverse autorizzazioni. Non è accaduto. Per questo motivo la Basilicata ospiterà un nuovo impianto eolico. Ancora più energia, sempre meno paesaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sardegna, gli ambientalisti comprano le dune di Chia: “Rischiavano di finire in mano agli investitori arabi”

prev
Articolo Successivo

Quanto può essere pericoloso un albero di Natale? Un video mostra i rischi delle feste

next