Malgrado non vi siano conferme ufficiali, la compagnia aerea Alitalia in una conferenza stampa a New York attraverso il chief business officer Fabio Lazzerini ha dichiarato di chiudere la tratta RomaTehran a seguito delle sanzioni Usa contro l’Iran. Questa notizia, scritta dall’Ansa ma non ancora diffusa, è stata ripresa sulla mia pagina Facebook circa tre giorni fa. Da quel momento la mia casella Messenger è colma di messaggi che chiedono ulteriori informazioni. Fino a ieri nessuna nota ufficiale, ma per confermare la notizia ho chiamato direttamente la sede Alitalia a Tehran in piazza Argentina, in cui non solo mi hanno confermato la notizia, ma addirittura mi hanno informato che i biglietti non verranno più emessi dopo il 31 dicembre. Infatti l’ultimo volo da Roma sarà proprio a fine dicembre.

Tutti i passeggeri che hanno già acquistato un biglietto per i mesi successivi saranno rimborsati. È vero che anche British Airways, Air France e Klm avevano già chiuso le loro tratte sulla capitale iraniana a seguito delle sanzioni, ma dall’Alitalia proprio non ce lo aspettavamo! Solo oggi, a seguito di alcune richieste sul social network Twitter, una flebile risposta Alitalia: “Questa decisione si è resa necessaria a causa delle scarse prospettive del volo, determinate dal ripristino dell’embargo nei confronti dell’Iran da parte degli Stati Uniti”.

Innanzitutto ritengo assurdo che una decisione del genere venga presa a pochi giorni dalle vacanze di Natale, a pochi giorni dalla chiusura dei voli e senza che vi sia stata un’adeguata diffusione della notizia. Mi hanno scritto ragazzi iraniani che attendono i genitori proprio durante il periodo natalizio con rientro a gennaio, molti dei quali hanno dovuto anche attendere a lungo prima di avere il visto per entrare in Italia. Alcuni studenti vogliono invece tornare dai familiari in Iran in questo periodo di chiusura universitaria. Insomma, di casi ne potrei citare centinaia. Quello dell’Alitalia mi sembra un classico esempio di incompetenza, di noncuranza e di mancanza di rispetto nei confronti dei passeggeri.

Al di là dei problemi logistici, perché Alitalia ha preso questa decisione? Perché dovendo scegliere tra gli Stati Uniti e l’Iran, ha scelto la parte più conveniente. Perché è più facile seguire il gregge che seguire una propria linea, perché i retroscena di questa decisione noi non li conosciamo. Sappiamo solo che Donald Trump è uscito dall’accordo nucleare, che Trump ha deciso di mettere nuove sanzioni all’Iran, che Trump aveva detto che l’Italia sarebbe stata esentata: in parte lo è ma solo in parte, ora pare ci abbia ripensato tanto che l’Italia non sarà esentata nuovamente.

Praticamente Trump decide le sorti del mondo e noi senza avere nemmeno la possibilità di replica obbediamo. Però ci piace raccontare in giro che noi siamo quel Paese che può esportare il modello di democrazia e libertà. Mi chiedo cosa mai avrà promesso Trump alla nostra compagnia di bandiera, vicina al fallimento, tanto da meritare questo asservilimento. Per avere maggiori informazioni ho chiesto personalmente a Tehran, cercando di capire qualcosa in più sulla notizia dei voli.

Il mio giovane caro collega della Irib Davood Abbasi non solo conferma il blocco della tratta, ma aggiunge quanto segue: “La punizione collettiva inflitta al popolo iraniano con le sanzioni ha qualcosa di più grave che mai. L’Iran sta rispettando gli accordi nucleari e in base a questi non dovrebbe essere colpito da sanzioni. Queste sanzioni da parte degli Usa e di coloro che li seguono sono una violazione della risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza. Solitamente le sanzioni contro l’Iran erano comminate in base alle leggi internazionali. Oggi però l’Iran viene punito nonostante abbia voluto riconciliarsi con il mondo. Purtroppo, la popolazione iraniana inizierà a nutrire odio e rancore nei confronti di Paesi che oggi, con le sanzioni, non vendono all’Iran nemmeno le medicine per la cura del cancro e i pezzi di ricambio per gli aerei civili. L’Iran si sente attaccato, come nel preludio di una guerra, ed è normale che risponda con test di missili balistici”. Dichiarazioni che fanno riflettere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonio Megalizzi è morto: il reporter italiano era stato ferito nell’attentato di Strasburgo. L’audio: “Innamorato dell’Ue”

prev
Articolo Successivo

Cesare Battisti, il Brasile ordina l’arresto. Firmato decreto estradizione, Mattarella ringrazia. Ma l’ex terrorista è sparito

next