In Aula alla Camera per l’informativa prima del Consiglio europeo, il premier Giuseppe Conte è stato attaccato sulla manovra dai banchi della sinistra, da Pd e Leu. “Il vicepresidente del consiglio Matteo Salvini ha tenuto un comizio dinanzi ai suoi sostenitori ed ha chiesto a loro il mandato a trattare con l’Unione europea. Avevamo capito che fosse lei ad essersi preso l’impegno. Il Parlamento deve sapere se lei è stato esautorato dinanzi alla pubblica piazza”, ha attaccato Laura Boldrini. Toni dure pure dai banchi Pd: “La sua parola non conta nulla. Sul Migration Compact è stato smentito dopo aver stretto la mano al Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres“, ha attaccato pure il renziano Ivan Scalfarotto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Manovra, Conte: “Europa superi rigorismo miope, così non si combatte l’instabilità”

next
Articolo Successivo

Pistoia, il Pd ha chiesto alla base i motivi delle sconfitte: bocciati Letta, Renzi e Gentiloni. “Pareri serviranno a ripartire”

next