La tragedia avvenuta nella discoteca Lanterna Azzurra a Corinaldo, in provincia di Ancora, in attesa del concerto di Sfera Ebbasta ha portato alla morte di sei persone mentre tentavano di fuggire dal locale. Panico scatenato da uno spray urticante, episodio che potrebbe non essere casuale. Una tendenza che nell’ultimo anno è stata riscontrata anche in altri eventi musicali: da Ghali a Guè Pequeno, da Achile Lauro allo stesso Sfera Ebbasta.

Finora avevano provocato fortunatamente solo qualche malore, causati, una delle ipotesi, da alcune babygang per commettere piccoli furti, com’era accaduto lo scorso 8 settembre a Mondovì quando sul palco del Festival Wake Up c’era proprio il trapper di Cinisello Balsamo. Il concerto era stato interrotto anche a Modena il 31 agosto dello scorso anno quando sette ragazzini erano ricorsi ai soccorsi sul posto mentre due erano arrivati in ospedale per farsi medicare.

Il fuggi-fuggi era stato innescato proprio dallo spruzzo di spray a peperoncino. Pochi giorni dopo, il 9 settembre, una dodicenne era finita in ospedale per lo stesso motivo durante un concerto di Ghali in provincia di Cuneo. Scene di panico sono state vissute anche a Nonontola, nel modenese, il 5 marzo scorso durante l’esibizione di Gué Pequeno al Vox. I carabinieri aveva fermato i giovani responsabili dell’uso della bomboletta urticante, subito sequestrata.

Nessun ferito il 6 luglio a Cinesello Balsamo dove però lo spray al peperoncino era nuovamente presente mentre sul palco del Rugby Sound all’Isola di Castello si esibiva Sfera Ebbasta. L’8 novembre la pratica si ripete e una ragazza finisce in stato di shock durante il concerto di Achille Lauro all’Alcatraz di Milano. Una lista che conta dal 31 agosto 2017 all’8 novembre 2018 ben sette episodi.

E’ opportuno ricordare che il flacone da 20 ml è acquistabile, sotto i 30 euro, nei supermercati, in farmacia o semplicemente online. La vendita è vietata ai minori di sedici anni e la sostanza se inalata provoca forte irritazioni agli occhi e alle mucose. Lo spray al peperoncino è autorizzato solo in caso di legittima difesa dal decreto ministeriale 103 del 12 maggio 2001.