“Una festa non può essere una festa se stanotte sei ragazzi usciti per andare a divertirsi sono rimasti vittime di una tragedia. E quindi quella di oggi è una giornata di affetto, di abbraccio, di riflessione, di preghiera, in cui ci stringiamo a quelle famiglie marchigiane. Prima di cominciare a raccontarvi quello che stiamo facendo da sei mesi, un minuto di abbraccio e di silenzio”. Lo ha detto Matteo Salvini salito sul palco di piazza del Popolo, per ricordare le vittime della tragedia di Corinaldo. La manifestazione della Lega a Roma è iniziata con un minuto di silenzio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, in piazza del Popolo un minuto di silenzio per i morti di Ancona. Salvini acclamato: “Non può essere una festa”

next
Articolo Successivo

M5s, il militante No-Tav a Grillo: “Perché non sei al corteo contro l’opera?”. “Ho preso 4 mesi di galera, siamo soci”

next