La bocciatura arriva direttamente da Arpa Lazio e la denuncia dal presidente del Municipio Roma III, Giovanni Caudio: “Abbiamo letto la relazione dell’ente ambientale, depositata in Regione, sul tmb della Salaria: l’impianto non funziona, perché non produce il tipo di rifiuti per cui è stato autorizzato. Siamo molto preoccupati, chiediamo che l’emergenza venga affrontata a livello nazionale“. Gli odori molesti, inoltre, “vengono direttamente dalla cattiva gestione dell’impianto, finalmente lo troviamo scritto nero su bianco su un documento ufficiale” continua Caudio. “L’impianto, lì, non può stare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, sequestrate 2 cave con 280mila tonnellate di rifiuti: “Erano contaminati, li miscelavano per fare lavori stradali”

next
Articolo Successivo

Fanghi di depurazione, meglio sui campi con i dovuti controlli che in discarica o negli inceneritori

next