Ha confessato e ha chiesto scusa con una lettera. Così è uscito allo scoperto lo studente che lo scorso 29 ottobre ha lanciato una sedia contro la professoressa di storia all’istituto Floriani di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza. “Ho fatto una cosa stupida, non volevo ferire nessuno”, ha scritto il 16enne, secondo quanto riporta Il Giorno.

Il ragazzo ha deciso di parlare solo dopo numerose sollecitazioni: un faccia a faccia con il preside della scuola e con i carabinieri, che hanno sentito uno alla volta tutti i 22 alunni della classe, e un consiglio aperto ai genitori. Il caso aveva scatenato polemiche a livello nazionale, tanto che alcuni giorni dopo gli studenti avevano deciso di smarcarsi dall’immagine di ‘scuola di bulli’ creatasi dopo l’episodio, organizzando un corteo.

La docente, 55 anni, dopo essere stata medicata in ospedale, era stata dimessa con una prognosi di cinque giorni. Ieri intanto è tornata in classe e ora, dopo la confessione, potrebbe decidere di ritirare la querela. “La spalla è guarita – ha detto ai colleghi – il cuore no”.

FOTO DI ARCHIVIO

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Furto gioielli Venezia, serbo arrestato evade dalla finestra del bagno prima dell’interrogatorio davanti al giudice

prev
Articolo Successivo

Milano, studenti davanti al provveditorato contro il degrado delle scuole: “Più fondi per edilizia e formazione”

next