“È tutta una questione di indice, capito?”. Nell’intercettazione della Guardia di Finanza, uno degli indagati nell’inchiesta delle tre Procure che ha portato all’arresto di 68 persone appartenenti a gruppi mafiosi spiega quale sia la strategia da attuare. E cioè “non cercare quelli che fanno ‘bam, bam’ (quelli che sparano, ndr)” bensì “quelli che fanno ‘pin, pin’, che cliccano”. Al centro dell’indagine, il mercato delle scommesse e del gioco online.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gioco online, le mani delle mafie sul mercato delle scommesse: 68 arresti tra Reggio Calabria, Catania e Bari

prev
Articolo Successivo

Gioco online, l’inchiesta di Reggio Calabria: al centro del sistema la cosca ‘ndranghetista dei Tegano di Archi

next