Il consiglio regionale della Lombardia ha approvato la mozione a firma Lega per promuovere le amministrazioni che decidono di non impiegare i richiedenti asilo nella manutenzione del verde pubblico. Una mozione che, nelle intenzioni dei leghisti, vuole promuovere e salvaguardare il settore florovivaistico lombardo contro la concorrenza, definita “sleale”, degli immigrati richiedenti asilo.

Bocciata, la contromozione dell’opposizione PD, che definisce il provvedimento della Lega “surreale e propagandistico”. Polemica anche da parte del gruppo dei consiglieri pentastellati, che si sono astenuti dal voto, che hanno definito inutile la mozione leghista. La maggioranza respinge le accuse di razzismo e attacca il passato governo di lassismo nei confronti dei migranti. Federica Epis (Lega), prima firmataria della mozione, accusa le amministrazioni comunali di giustificare la presenza di clandestini attraverso lavori socialmente utili.