Il Gladiatore tornerà nell’arena. È l’indiscrezione di Deadline che mette in subbuglio Hollywood: Ridley Scott sarebbe al lavoro su un sequel del film vincitore di cinque premi Oscar, supportato da Paramount e accompagnato da Peter Craig, sceneggiatore di Hunger Games – Il canto della rivolta Parte I e II. La storia dovrebbe seguire le gesta di Lucio, figlio di Augusta Lucilla e nipote del terribile Commodo, il cui personaggio si era già visto nel kolossal del 2000. Pare dunque abbandonata la tentazione di “resuscitare” il Massimo Decimo Meridio interpretato da Russell Crowe, sinora unica proposta avanzata in quasi due decenni di rumors e smentite. Negli anni scorsi, infatti, alcune voci avevano dapprima scaldato la pista di un prequel, incentrato sulle gesta del Generale più che dell’Ispanico, e poi lasciato spazio alle suggestioni di un improbabile secondo capitolo incentrato sulla discesa agli inferi del comandante delle legioni Felix.

Per la prima volta un progetto riguardo al ritorno del gladiatore appare dunque ben più concreto del semplice pettegolezzo. Anzi, la fase di pre-produzione sarebbe di fatto avviata. Nonostante ciò, tuttavia, non filtrano altre anticipazioni. Che ne dite allora di soddisfare la vostra curiosità frugando fra alcuni aneddoti davvero imperdibili? Ecco dieci cose che non sapevate su Il Gladiatore e di cui non potete proprio fare a meno.

Il Gladiatore 2, “Ridley Scott al lavoro sul sequel”: 10 cose che non sapete del primo film

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Andrea Camilleri, ho visto la sua ‘Conversazione su Tiresia’ e ve la racconto

prev
Articolo Successivo

Ricardo Darin, tra Oscar e teatro d’autore: “Io e Farhadi ci siamo intesi sotto il segno di Bergman”

next