“Matteo e io ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa, prima che fossero decise le nomine Rai, il che dimostra che, contrariamente a quanto dicono le malelingue, non ho mai sfruttato il nostro rapporto che, ripeto, è stato un grande amore“. Così, in esclusiva al settimanale Chi in edicola da mercoledì, Elisa Isoardi ha rivelato la data della rottura con il ministro dell’Interno, avvenuta mesi fa e comunicata solo oggi su Instagram dalla conduttrice.

La presentatrice de La prova del cuoco e il leghista erano legati da quasi tre anni. Alla rivista diretta da Alfonso Signorini la Isoardi ha spiegato i motivi della rottura: “È stata la lontananza, causata dai troppi impegni di entrambi”. Sulle indiscrezioni che avevano dato come nuovamente fidanzata la Isoardi, invece, si è allungata l’ombra inquietante di uno stalker. La conduttrice infatti ultimamente è stata fotografata accanto a un uomo, tale Andrea Spano, che la segue ovunque ma, che, contrariamente a quanto pensato, non sarebbe la sua nuova fiamma. Si tratterebbe, invece, come ha raccontato la Isoardi, di un collaboratore assunto dopo un episodio di stalking che va avanti da dieci anni.

La 35enne infatti sarebbe perseguitata da un uomo che la bombarda con deliranti lettere d’amore e che in più di un’occasione ha tentato di spacciarsi per il suo compagno e di contattarla. Questa persona, già condannata per lesioni, ultimamente avrebbe incrementato gli atteggiamenti molesti nei confronti della conduttrice, creandole uno stato di ansia. L’ultimo episodio sarebbe avvenuto pochi giorni fa, quando l’uomo è entrato negli studi Rai dove la Isoardi stava conducendo La prova del cuoco. Per questo l’ex di Salvini, oltre a farsi proteggere, ha depositato una denuncia al commissariato di Porta Pia, a Roma.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elisa Isoardi lascia Matteo Salvini con una frase di Gio Evan. Il poeta in radio commenta: “Mi stanno ferendo, oggi mi stanno seppellendo”

next
Articolo Successivo

Barbara D’Urso e Mara Venier, lo scontro tra le due conduttrici rischia di finire in tribunale

next