“Mi stanno ferendo oggi, mi stanno seppellendo”. A parlare a Un giorno da Pecora, la trasmissione di Radio1, è Gio Evan, il poeta citato da Elisa Isoardi nel suo messaggio di addio a Matteo Salvini su Instagram. Classe 1988 Evan oggi è finito sulla bocca di tutti, diventato simbolo dell’amore, ormai finito, tra la presentatrice e il ministro dell’Interno.

“Non ho votato per Matteo Salvini e non lo voterò mai, alle ultime elezioni ho votato Potere al Popolo”, ha dichiarato l’artista, che ha raccontato gli attacchi subiti sui social. “Chi sostiene me e non la politica di Salvini mi dice ‘poveretto, ti usano’, mentre gli haters dicono ‘giusto con una poesia di Gio Evan poteva finire una relazione così…'”.

Il poeta ha descritto il momento della separazione della ex coppia come ‘malinconico’, però è sembrato contento che la conduttrice abbia scelto un suo testo per comunicare un fatto così intimo. “A me piace scrivere poesie per unire più che per dividere. D’altra parte però la poesia serve anche a questo: si mettono a disposizione parole per chi non riesce a trovarle, siamo testimoni del quotidiano”, ha detto Evan, sottolineando di non sentirsi “proprietario” delle sue poesie. La Isoardi non era la prima volta che usava le parole del poeta.”Mi cita così spesso che siamo diventati quasi amici – ha raccontato ai microfoni di Radio Rai – Non ci siamo mai visti, mi ha scritto, ci siamo scambiati i numeri e mi ha chiamato una volta per chiedermi quando avrei fatto uno spettacolo, ha concluso”

Ospite della trasmissione anche Annalisa Chirico, giornalista del Foglio. A Un giorno da Pecora  per parlare del referendum dell’Atac, la Chirico ha risposto anche a una domanda su Matteo Salvini, con cui era a cena ieri sera. “Mi sembrava di ottimo umore, era molto brillante come sa esser lui. Addentava sushi e sorseggiava champagne”, ha detto al microfono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chi è Gio Evan – Elisa Isoardi lascia Matteo Salvini con una foto a letto e una citazione di tale poeta: una combinazione da trauma irreversibile?

next
Articolo Successivo

Elisa Isoardi rivela: “Io e Matteo Salvini ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa”. E nella vita della conduttrice c’è l’ombra di uno stalker

next