La sfida tra Barbara D’Urso e Mara Venier era partita come una gara per gli ascolti domenicali all’insegna del fair play ma è bastata la prima puntata di Domenica Live e Domenica In per cancellare tutti i buoni propositi. Dopo le prime vittorie Auditel della Venier, si è arrivati ad un sostanziale pareggio, con indici di ascolto simili, e questo ha acceso ancora di più la competizione tra le due che è sfociata in una vera e propria guerra a colpi di post sui social e dichiarazioni alla stampa. Ora però, rischia di approdare anche in tribunale.

“Io non ho nulla contro Mara, continuo a volerle bene e la sfida della domenica non è certo una sfida a livello personale”, ha detto Barbara D’Urso nella sua ultima intervista in cui condanna certe attitudini della rivale, prima fra tutte l’abitudine, a detta sua, di mettere like ai commenti dei suoi haters più incalliti sui social.”Mi hanno mandato delle foto, perché io non seguo i social, in cui Mara postava sulle sue storie di Instagram i commenti dei miei più grandi odiatori, certi leoni da tastiera che scrivono di me cose orribili, che insultano me, i miei fratelli e i miei figli. Ed è ormai noto che lei vada sul mio profilo e metta i like proprio a certi miei odiatori, l’hanno scritto diversi siti. Non capisco questi gesti”. Non si è fatta attendere la dura replica di Mara Venier: “Per tutto questo se ne occuperà il mio avvocato” scrive, infatti, sul suo profilo replicando a un utente che le chiedeva di commentare le dichiarazioni rilasciate dalla conduttrice di Domenica Live. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elisa Isoardi rivela al settimanale Chi: “Io e Matteo Salvini ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa”. E nella vita della conduttrice c’è l’ombra di uno stalker

next
Articolo Successivo

Hai detto trenta?, un esuberante racconto on the road con la lista delle 15 cose da fare prima dei trent’anni

next