La sentenza di Aemilia, emessa dai giudici Caruso, Beretti e Rat, incontra la soddisfazione della Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna, che ha prima coordinato le indagini e poi condotto i processi di Bologna e Reggio Emilia con i sostituto procuratori Beatrice Ronchi e Marco Mescolini. Il procuratore capo Giuseppe Amato ringrazia i due pubblici ministeri e l’enorme lavoro svolto che ha portato alla sentenza di oggi.

Amato segnala però, con toni e accenti diversi, quanto detto anche dal collaboratore di giustizia Antonio Valerio nella dichiarazione spontanea rilasciata in una delle ultime udienze: “La ‘ndrangheta in Emilia Romagna non è sconfitta”. Serviranno altro lavoro e altre inchieste, avviate anche da questo processo. E bisognerà mantenere alta l’attenzione contro infiltrazioni, collusioni, affari sporchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sentenza processo Aemilia, così tre anni fa l’Emilia scoprì le infiltrazioni del clan e i contatti con politica e imprenditoria

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, maxi sequestro da 212 milioni di euro a due imprenditori calabresi vicini a famiglie mafiose

next