Io leggo perché, atto terzo. Riparte infatti l’iniziativa per la creazione e il potenziamento delle biblioteche scolastiche di tutto il Paese, con l’obiettivo di riavvicinare i più giovani alla lettura. Dal 20 al 28 ottobre prossimi, chiunque potrà infatti andare in una delle 2.130 librerie che hanno aderito al progetto per donare un libro a una scuola, scegliendo un titolo che si ritiene immancabile in una biblioteca scolastica tra quelli suggeriti dagli istituti (attraverso la piattaforma ogni scuola può comunicare alla libreria gemellata i propri desiderata, fornendo così un utile suggerimento a chi vuole donare) o semplicemente in base alle proprie preferenze. A questi si aggiungeranno poi i 100mila volumi già donati dagli editori.

#ioleggoperché è un’importante iniziativa – ha commentato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti – grazie alla quale le biblioteche scolastiche italiane ricevono decine di migliaia di libri donati da cittadini, istituzioni, editori. Si tratta di una straordinaria misura di promozione della lettura tra i nostri giovani. Il risultato di un lavoro sinergico che dobbiamo continuare a portare avanti con entusiasmo e passione. Il Miur lavorerà per potenziare le biblioteche scolastiche e per fare degli istituti ‘case’ da vivere anche oltre l’orario curricolare”.

Un grande progetto sociale, che vede coinvolti più di 2milioni di bambini e ragazzi, oltre 9mila scuole, 2.130 librerie mobilitate su tutto il territorio nazionale e 3mila messaggeri volontari e che quest’anno, per la prima volta, coinvolge anche le scuole dell’infanzia, oltre alle primarie e alle secondarie di primo e secondo grado. Ad organizzare l’iniziativa è l’Aie, Associazione italiana editori, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con l’Associazione Librai Italiani, il Sindacato italiano Librai e Cartolibrai, l’Associazione Italiana Biblioteche e il Centro per il Libro e la Lettura, e il supporto anche della Siae e della Lega Serie A e Lega B. Ma ci sono anche due ambassador d’eccezione: Luciana Littizzetto e Rudy Zerbi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulio Andreotti e l’omicidio Pecorelli: ne ‘Il Divo e il giornalista’ le mezze verità di un processo dimenticato

prev
Articolo Successivo

In memoria di Ara Guler. Nelle sue fotografie tutta la malinconia di Istanbul

next