E’ morto ieri, 17 ottobre, a Istanbul il fotografo Ara Guler. Era nato a Beyoglu, un sobborgo di Istanbul, nel 1928 da genitori armeni ed aveva appena compiuto novant’anni. Per professione Ara Guler era un fotoreporter, ed ha pubblicato immagini su molti quotidiani e con agenzie prestigiose quali la Magnum; ma questa definizione è riduttiva. Ara Guler considerava se stesso un documentarista ed uno storico ed ha ritratto l’evoluzione di Istanbul durante gli ultimi sessant’anni; e le sue immagini sono quelle di un grandissimo artista, dotato di una fine sensibilità e di un grande affetto per Istanbul e per la sua popolazione.

Il libro più famoso di Ara Guler si intitola Istanbul e raccoglie fotografie scattate tra gli anni 50 e 90 del secolo scorso, tutte in bianco e nero. La prefazione del libro è del premio Nobel per la Letteratura Orhan Pamuk. Molte fotografie di Ara Guler sono del resto riprodotte nell’autobiografia di Orhan Pamuk: Istanbul: la città e i ricordi. Guler e Pamuk sono accomunati oltre che dall’amicizia reciproca, dalla straordinaria umanità che consente loro di cogliere e rendere percepibile al lettore la malinconia, huzun, di una città e un popolo schiacciati da un passato straordinario ma irripetibile. Vivono entrambi la consapevolezza che il futuro non potrà mai equivalere al passato, che non c’è in serbo per Istanbul una gloria paragonabile a quella perduta.

Il sentimento di Ara Guler (e di Orhan Pamuk) per Istanbul e per la Turchia è in fondo lo stesso che molti di noi provano o possono provare per Roma e per l’Italia intera. Istanbul è come Roma o come Venezia: una città che ha già vissuto il suo massimo splendore e e che non può sperare di ritrovarlo. Ara Guler lascia di sé qualcosa di più delle immagini e dei ricordi: lascia l’interpretazione di un’epoca e di una emozione e la regala a chiunque voglia rivedere le sue fotografie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Io leggo perché, dal 20 al 28 ottobre torna l’iniziativa per potenziare le biblioteche scolastiche: ecco come donare un libro alle scuole

prev
Articolo Successivo

Polidoro Editore, a Napoli c’è una casa editrice moderna. Anzi, contemporanea

next