Dopo il vertice di governo Giancarlo Giorgetti, Massimo Bitonci e Massimo Garavaglia lasciano il palazzo a piedi. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio afferma: “La manovra nella sua versione completa sarà approvata entro il 20 ottobre” e minimizza le possibili ripercussioni della Commissione Europea che lunedì 15 ottobre riceverà un testo parziale.

Massimo Bitonci, sottosegretario al Ministero dell’Economia illustra le misure del Decreto fiscale e che il governo si accinge a varare e, a sorpresa annuncia che la ‘pace fiscale’ verrà sostituita da altri provvedimenti: “Eliminazione delle sanzioni ed interessi sul tutto il immagazzino delle cartelle, rateizzazione di cinque anni per tutti riducendo del 50% l’importo; con l’eliminazione delle cartelle fino a mille euro, però non vengono toccate le imposte”.

Altre misure rivelate dal sottosegretario: “Se un contribuente vince in primo grado contro l’amministrazione potrà pagare in cinque anni il 50% dell’importo dovuto senza sanzioni e Enza interessi, se vince in secondo grado potrà pagare solo il 20%”. Le soglie sulla ‘Pace fiscale’ dunque spariscono: “Mai discusso di soglie – afferma il sottosegretario Bitonci, che aggiunge – le soglie sono in fase di discussione per la presentazione di una dichiarazione integrativa per i contribuenti che nei cinque anni precedenti, non avendo avuto contenziosi con la Pubblica Amministrazione, potranno dichiarare dei redditi aggiunti – spiega Bitonci – per far emergere tutto quel contante, magari nascosto, che deve essere rimesso in circolo nell’economia, pagando un’imposta sostitutiva del 15% più Iva. Questo lo stiamo discutendo con il M5S e vedremo se sarà inserito nel decreto” conclude il sottosegretario leghista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pensioni d’oro, Di Maio: “Taglio varrà un miliardo di euro. Reddito di cittadinanza? Il 47% andrà a famiglie del centro-nord”

prev
Articolo Successivo

Tap, Conte convoca M5s per la decisione finale. I movimenti contro il gasdotto: “Se non c’è stop, dimettetevi”

next