Sedici anni di carcere a Rocco Barbaro. L’esponente del clan Barbaro-Papalia di Platì, 53 anni, ritenuto il reggente della “lombarda” (la struttura di vertice della ‘ndrangheta in Lombardia) è stato condannato per associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni dal Tribunale di Milano. Secondo i giudici dell’ottava sezione penale, ‘U sparitu (così chiamato per la sua latitanza durata due anni) gestiva, attraverso un prestanome, il Bar “Vecchia Milano” in corso Europa, a pochi passi dal Duomo. Condannato a 2 anni anche il nipote di Rocco, Antonio Barbaro.

Prima di essere arrestato, nel maggio 2017, in casa di una della figlie a Platì, Rocco Barbaro era stato inserito nella lista dei 30 latitanti più pericolosi. Suo padre Francesco – detto Ciccio ‘u castanu – capo della cosca, sta scontando l’ergastolo per aver ucciso, nel 1990 a Bovalino (in provincia di Reggio Calabria), il brigadiere Antonino Marino. Il 23 gennaio 2016, l’operazione ‘Missing’ dei carabinieri aveva portato all’arresto di sette appartenenti al clan per estorsione e intestazione fittizia di beni. Tra queste il figlio di Rocco Barbaro – che come il nonno si chiama Francesco – poi condannato con rito abbreviato a 8 anni nell’autunno 2016. Il clan Barbaro-Papalia si è insediato a Corsico, nel milanese, e secondo gli investigatori controlla l’intero commercio di cocaina in Calabria ed in Lombardia.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, condannato a 16 anni arrestato mentre lavorava nel cantiere della metro a Sesto San Giovanni

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta stragista, “da Licio Gelli all’ipotesi di attentato contro Ilda Boccassini”. Il racconto del pentito

next