E come volevasi dimostrare, tra la sbornia per i sei miliardi (finora) introitati nell’asta per i lotti delle nuove frequenze, alla fine Di Maio è uscito allo scoperto: “La priorità è la salute dei cittadini, per il governo è necessaria un’attenta analisi di impatto da affidare a organismi indipendenti. Posso assicurare che le decisioni saranno prese con gli operatori per cercare di trovare le soluzioni migliori”.

Lo scrivo da tempo. Tra cancro, salute e 5G non c’è compromesso e la soluzione migliore andava trovata anzitempo, perché l’intera popolazione sarà esposta a inedite radiofrequenze prive di valutazioni preliminari del rischio sulla salute pubblica: o Gigabit Society o tutela sanitaria, delle due l’una, perché la grana 5G inevitabilmente passa per un’esponenziale incremento d’infrastruttura tecnologica (migliaia di mini-antenne pure sui lampioni della luce) e l’innalzamento multiplo e cumulativo d’irradiazione elettromagnetica, che dagli attuali (più o meno) 6 V/m di campo elettrico schizzerebbero a 61 V/m, elettrizzando l’aria pubblica come in una bozza di decreto legge in eredità da Galletti e vecchio esecutivo.

Oltre l’AgCom, in questi gironi le compagnie telefoniche si destreggiano in un’asfissiante pressing sui dicasteri di Sviluppo economico e Salute, perché Internet delle cose e wireless di quinta generazione necessariamente cozzano contro minimizzazione del rischio, principio di precauzione e Legge Quadro 2001 (tra le vigenti, la più cautelativa al mondo): se i limiti soglia saranno alzati, per connettere simultaneamente 1 milione di dispositivi per chilometro quadro saremo investiti da uno tsunami elettromagnetico senza precedenti nella storia dell’umanità, 365 giorni l’anno, sette giorni su sette, ovunque bersagliati popolazione e ambiente come mai prima (non solo le città, ma pure campagne, parchi e paesi poco antropizzati, senza contare il progetto del Wi-Fi satellitare coi droni lanciati in orbita).

Il pericolo che Gigabit Society e Smart City diventino forni a microonde a cielo aperto si prefigura un’inevitabile realtà. A loro spese, ignari del pericolo, lo stanno scoprendo i cittadini de L’Aquila, Bari e Matera che, giorno dopo giorno, come sassolini in una fungaia vedono spuntare nuovi ripetitori, sommatoria delle preesistenti stazioni radiobase 2G, 3G e 4G (resteranno in funzione).

“Nonostante la diffusa negazione – scrivono all’Onu ricercatori, medici e scienziati nell’appello internazionale Stop 5G dalla terra e dallo spazio – le radiazioni a radiofrequenza sono dannose per la vita. L’evidenza clinica accertata sulla base di una letteratura forte di oltre 10mila studi peer-reviewed parla di esseri umani malati e feriti, di prove di danni a Dna e di prove epidemiologiche che le principali malattie della civiltà moderna – cancro, malattie cardiache e diabete – sono in gran parte causate dall’inquinamento elettromagnetico. Se i piani del settore delle telecomunicazioni per il 5G si realizzeranno, nessuna persona, nessun animale, nessun uccello, insetto e pianta sarà in grado di evitare l’esposizione, senza alcuna possibilità di fuga da nessuna parte sul pianeta”.

L’attenta analisi sull’impatto biologico del 5G da “affidare a organismi indipendenti” e il bonario compromesso “salute-lobby” lasciato intendere da Di Maio sono il preludio dell’ennesima soluzione torbida e frettolosa, se è vero che agli esiti dell’Istituto Ramazzini (10 anni di studio sugli effetti del 3G e pericolo tumori a cervello-cuore) s’aggiungeranno i risultati definitivi del National Toxicology Program (la più grossa ricerca al mondo sul nesso cellulari-cancro), memori delle controversie legali seguite ai conflitti d’interesse del discusso Studio Interphone lasciato fino al 2011 per 6 anni a bagnomaria dall’Organizzazione mondiale della sanità (tra le polemiche di quanti oggi spingono per una cancerogensi certa) prima di piazzare (al ribasso) i campi elettromagnetici in Classe 2B (possibili cancerogeni).

Caro Di Maio, lanciato il sasso è inutile nascondere la mano, così come è inutile cercare un compromesso all’italiana. In tempi non sospetti, quando in sordina nel 2017 s’avviò la sperimentazione 5G, l’asso-medici Isde avanzò la richiesta di una moratoria “sino a quando non sia adeguatamente pianificato un coinvolgimento attivo degli enti pubblici deputati al controllo ambientale e sanitario (ministero Ambiente, ministero Salute, Ispra, Arpa, dipartimenti di prevenzione), non siano messe in atto valutazioni preliminari di rischio secondo metodologie codificate e un piano di monitoraggio dei possibili effetti sanitari sugli esposti, che dovrebbero in ogni caso essere opportunamente informati dei potenziali rischi”. Adesso è tardi, l’asta è battuta e le aziende aggiudicatarie, contratti alla mano, legittimamente pretendo l’uso di quanto acquistato, che non può viaggiare a 6 V/m (dal 1° gennaio 2019 sarà disponibile l’inesplorata banda 3700 Mhz). Ma il problema è che la salute non è una trattativa di compravendita economica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veicoli elettrici, più posti di lavoro e meno inquinamento. In Italia però c’è chi non li vuole

next
Articolo Successivo

Tmb Salario Roma, osservatorio impianto rifiuti: “Oltre 3mila segnalazioni di miasmi. Nausea e vertigini dei residenti”

next