Si è tenuta questa mattina al tribunale di Savona l’udienza del processo contro il sindaco leghista del comune di Pontinvrea che augurò con un post su Facebook all’ex presidente della Camera Laura Boldrini di essere stuprata e ora si trova accusato per diffamazione.

“Che cosa pensa Salvini di un sindaco che mi augurò di essere violentata?” si chiede Laura Boldrini all’uscita del tribunale di Savona. Il caso risale al settembre dello scorso anno: riferendosi ad un caso di stupro avvenuto sulla spiaggia di Rimini di cui erano responsabili quattro immigrati, il primo cittadino leghista aveva suggerito di dare al responsabile gli arresti domiciliari “a casa della Boldrini”, aggiungendo “magari le mettono il sorriso”. Intervistato in merito alle accuse che gli vengono rivolte, Matteo Camiciottoli minimizza: “La mia era solo una critica politica. Dura? Quanto volete, ma non augurerei mai uno stupro. Mentana mi ha dato del cretino, l’ho denunciato e l’anno assolto liquidandola come critica politica. Perché non dovrebbe essere così in questo caso?”.

In aula erano presenti l’imputato e Laura Boldrini, ma nell’udienza di oggi il giudice si è limitato a valutare le richieste di costituzione come parti civili di sei associazioni che difendono i diritti delle donne e ritengono uscita sessista e razzista. Salvo sorprese, la seconda udienza a cui dovrebbe seguire la sentenza è prevista per il prossimo 15 gennaio sempre presso il Tribunale di Savona.

“La cosa più sconcertante – sottolinea Laura Boldrini – è che un messaggio così violento e truculento sia stato lanciato da un sindaco, che ha responsabilità pubbliche e politiche. Ho voluto essere presente per stigmatizzare questo modo di fare politica. Non si può arrivare ad augurare lo stupro ad un’avversaria politica: questo l’ho visto solo in contesti di guerra, in una democrazia è inaccettabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formigoni, nuovo processo per presunte tangenti nella sanità. L’accusa: “447mila euro in aerei, pranzi, viaggi ed elicotteri”

prev
Articolo Successivo

Borsellino, Di Matteo a Csm: “Magistrati accostati al depistaggio? Ingiusto, ho pagato prezzi altissimi per la verità”

next