È il rosso in tutte le sue sfumature il colore prescelto da molte star per la loro passerella alla 75esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Da Dakota Johnson e Tilda Swinton fino a Bianca Balti e Madalina Ghenea. Senza dimenticare Elio di Elio e le Storie Tese con il suo mantello. Look molto sexy che hanno incantato il red carpet del Lido. In occasione della premiere di del film The sisters brothers del francese Jacques Audiard (in concorso), la modella lodigiana Bianca Balti ha stupito tutti, presentandosi sottobraccio a Elio. Bellissima e molto elegante con un completo camicia bianca e minigonna (con strascico drappeggiato) rossa, firmato Ovs. A completare il look, un’importante collier di diamanti. Smoking e un insolito mantello rosso fuoco invece per Elio.

Anche la showgirl Madalina Ghenea ha scelto un total look in rosso, sfoggiando un tubino rosso molto aderente che metteva in risalto la sua scollatura esplosiva mentre elargiva baci ai fan. Presenti anche tanti volti noti dello spettacolo italiano, da Enzo Miccio a Paola Cortellesi, che ha ricevuto il premio Kinéo-Diamanti al Cinema come attrice dell’anno. Ma molti ancora si stanno interrogando sull’identità di due misteriose ospiti che hanno lasciato a bocca aperta il pubblico presente: come gemelle, hanno sfilato abbracciate e avvolte in abiti in lattex metallizzato (uno oro e l’altro argento) dalla linea a sirena, che valorizzavano le loro forme. La chioma bionda legata in una lunga coda di cavallo, erano inseparabili, legate l’una all’altra anche dagli svolazzi di vestiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Venezia 2018, The Sisters Brothers di Jacques Audiard western spassoso e catartico (e per noi possibile Leone d’oro)

prev
Articolo Successivo

Festival di Venezia 2018, “Weinstein è innocente”: polemiche per la maglietta choc comparsa sul red carpet

next