“Non possiamo dire che abbiamo governato bene se negli anni in cui eravamo al potere i poveri in Italia sono passati da 2,5 milioni a più di 5 milioni. E dal loro punto di vista hanno fatto benissimo a non votarci”. È la dura critica che Giuseppe Provenzano, membro della Direzione nazionale Pd, ha rivolto al suo partito dal palco della festa del Fatto Quotidiano al parco della Versiliana di Marina di Pietrasanta. Nel corso di un dibattito sulla “ricerca della sinistra perduta“, Provenzano, già noto per discorsi molto duri verso i suoi colleghi, ha attaccato la classe dirigente dem. “E’ responsabile di un disastro enorme, ha ripetuto con 20 anni di ritardo le idee degli altri”.