“Ero steso, stavo leggendo, mi sono affacciato e c’erano persone che urlavano, non so quanti erano ci vedo poco. Sono uscito e ho visto già tutti li, vigili del fuoco, polizia. Sabato era previsto un matrimonio e ora staremmo qui a piangere i morti”. Così Daniele Libanori, rettore della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami cui è crollato il tetto il pomeriggio di giovedì 30 agosto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, Toninelli apre alle Grandi navi a Marghera. Polemiche dal Comitato per il No, il ministro: “Fuori dalla laguna”

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, Autostrade: “Presentate opzioni per demolizione e ricostruzione”. Toti: “Abbattuto in 30 giorni”

next