Da un lato il canto ‘Bella ciao‘ e i cartelli con la scritta ‘Welcome‘, dall’altro l’Inno d’Italia e i saluti romani. È la scena che si sono trovati davanti i migranti che erano a bordo della nave Diciotti, al momento del loro arrivo in pullman al centro di prima accoglienza ‘Mondo migliore’ a Rocca di Papa, comune vicino a Roma. Dopo il naufragio, il trasferimento a bordo del pattugliatore della Guardia Costiera e l’attesa al porto di Catania, 100 di loro, quasi tutti eritrei, resteranno pochi giorni all’interno del centro della Cei e poi verranno accolti dalle Diocesi in Italia che hanno dato disponibilità. Al loro arrivo hanno trovato la protesta dei militanti di estrema destra, tra cui esponenti di Casapound, Forza Nuova e Fratelli d’Italia, e una contromanifestazione organizzati da cittadini pro migranti. A notte inoltrata è arrivato anche il secondo pullman, mentre per mercoledì sono state annunciate nuove proteste.

Rocca di Papa per i 100 migranti che erano a bordo della nave Diciotti sarà come detto solo una tappa intermedia. Mentre gli altri 39 naufraghi sono rimasti nel hotspot di Messina in attesa di essere trasferiti in Irlanda e Albaniai Paesi che hanno dato la disponibilità ad accoglierli – loro verranno trasferiti nelle diocesi italiane che hanno dato disponibilità, da Torino a Bologna passando per Brescia, Agrigento, Cassano allo Jonio e Rossano Calabro. A confermarlo è anche il sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini: “Siamo stati rassicurati – ha detto – dalla Cei e dalla Caritas che quegli ospiti saranno ricollocati in pochi giorni e che ci sono disponibilità ben superiori al numero necessario”.

La proteste, cominciate sui social network e poi continuate per strada, hanno dato vita in serata a vari momenti di tensione, perché i residenti si sono divisi in due fazioni. Per evitare scontri sono intervenute molte pattuglie delle forze dell’ordine e un blindato. Da un lato appunto i militanti di estrema destra contrari all’arrivo dei profughi che sventolavano bandiere tricolore, dall’altro un gruppo che esponeva cartelli ‘Welcome’ e urlava slogan antifascisti. Nel momento in cui è entrato il primo pullman nel centro da una parte sono partiti i saluti romani accompagnati dal canto dell’Inno d’Italia e dall’altra parte è stata intonata ‘Bella Ciao’.

La struttura ‘Mondo migliore’ da due anni accoglie i migranti ed è dotata di 600 posti letto, anche se fino a ieri ospitava 270 persone. All’interno ci sono una chiesa e una moschea, scuole di italiano per stranieri e gli ospiti spesso vengono impiegati per svolgere alcune attività del centro. Nei corridoi ci sono anche alcune foto giganti: tra queste, alcune immagini raccontano i segni delle torture che alcuni ospiti portano sulla loro. Torture che hanno dovuto subire anche i nuovi arrivati, come testimoniano i video dai lager libici che Papa Francescon ha voluto vedere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rocca di Papa, l’arrivo dei migranti della Diciotti tra contestatori e sostenitori: “Ne abbiamo già troppi”. “Benvenuti”

next
Articolo Successivo

Pedofilia, la lettera di Viganò rischia di diventare un manifesto per i nemici di Papa Francesco

next