Nomine Rai? La legge votata in Parlamento dall’ex presidente del Consiglio non mi piace. E’ una legge che assoggetta la Rai al governo”. Così, ai microfoni di Radio Radicale, si pronuncia il presidente della Camera Roberto Fico, a margine di una tavola rotonda a Montecitorio sull’acqua pubblica. E spiega: “Se amministratore delegato e presidente della Rai sono scelti dal governo, allora è un modo di legiferare che non mi piace. E l’ho combattuto nella scorsa legislatura. Infatti avevo proposto un altro tipo di legge, che prevedeva un bando di gara pubblica in capo all’AgCom, arrivavano dei curriculum vitae e si sceglieva una rosa. Dunque, era un percorso totalmente diverso. Il meccanismo attuale invece non mi piace proprio”. Fico continua: “Non è un problema di governi o di nomine, ma di metodo. Il governo aveva solo un modo per muoversi e qualsiasi governo si sarebbe mosso nello stesso modo rispetto alle indicazione di nominativi dei vertici Rai. È sbagliato soffermarsi sul nome, o sul governo. Noi ci dobbiamo soffermare sulla metodologia che porta alle scelte. Ed è un metodo che è sbagliato intrinsecamente, perché se un amministratore delegato di un’azienda è nominato direttamente dal governo, comunque, in qualche modo c’è un assoggettamento e deriva da questa legge. Serve indubbiamente una nuova legge, e l’ho detto prima delle nomine Rai, altrimenti nella scorsa legislatura non avrei presentata una scritta da me”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi contro la Lega: “Utilizzate ruspa nella direzione sbagliata. Demolite Casa Italia al posto di legge Fornero”

prev
Articolo Successivo

Il Decreto dignità è migliorato, altro che le inesattezze di Fassina

next