A fine giugno parlò di “valutazione costi-benefici” e di “progetto da ridiscutere”, lunedì si era spinto a dire che l’obiettivo è quello di “migliorarla, come scritto nel contratto di governo” precisando che con se il M5s fosse stato a Palazzo Chigi quando venne concepita “non sarebbe mai stata così impattante e costosa“. Ora il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, spiega, amplia e argomenta quel “rifarsi al contratto di governo”. Così, in un lungo post su Facebook, il Tav torna in discussione nei giorni in cui si è riacceso anche lo scontro tra gli attivisti contrari alla Torino-Lione e le forze dell’ordine, che nel week end si sono fronteggiati vicino al cantiere di Chiomonte per due notti di fila.

“Rifarsi al Contratto di governo significa voler ridiscutere integralmente l’infrastruttura in applicazione dell’accordo con la Francia. Senza preclusioni ideologiche, ma senza subire il ricatto che ci piove in testa e che scaturisce dalle scandalose scelte precedenti – scrive il ministro – È questo il principio in base al quale stiamo lavorando. Ecco perché adesso nessuno deve azzardarsi a firmare nulla ai fini dell’avanzamento dell’opera. Lo considereremmo come un atto ostile“.

Finora, secondo Toninelli, “sono stati sprecati i soldi dei cittadini italiani”. Per questo prova “rabbia e disgusto” nello studio del dossier sulla Torino-Lione. “È stato enorme lo sperpero di danaro pubblico per favorire i soliti potentati, certe cricche politico-economiche e persino la criminalità organizzata“, dice su Facebook elencando le cifre e i costi dell’opera.

“Sulla Torino-Lione, come abbiamo sempre detto, saranno gli impatti ambientali, sociali ed economici a dirci se ha senso o meno portare avanti un’opera nata male – continua – Se ne vale la pena anche rispetto alla dovuta valutazione che riguarda il Corridoio Mediterraneo, la lunga tratta tra la Spagna e il confine tra Ungheria e Ucraina di cui la Torino-Lione è soltanto un segmento”, sottolinea il ministro.

Parlando più in generale di tutte le varie opere sul tavolo, Toninelli ribadisce che è stata avviata “una seria revisione progettuale su queste infrastrutture” perché “non si può più fare a meno di una rigorosa analisi costi-benefici“. “Questo governo, statene certi, ha messo fine alle mangiatoie e ai comitati d’affari. Le opere – conclude – si fanno se servono ai cittadini, non a chi le costruisce. Agiamo con un solo obiettivo: migliorare la qualità degli spostamenti e quindi della vita degli italiani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dobbiamo lasciare l’Afghanistan e fermare l’acquisto di F35

prev
Articolo Successivo

Saviano ci chiede di schierarci contro Salvini perché anche il silenzio ha le sue conseguenze

next