Il nuovo assessore alla Sicurezza e alla legalità del Comune di Castellammare di Stabia è il maggiore dei carabinieri Gianpaolo Scafarto, l’uomo che fu tra i primi a indagare sul caso “Consip” che coinvolgeva tra gli altri Tiziano Renzi, padre dell’ex Presidente del Consiglio. Scafarto è al momento sotto inchiesta dalla Procura di Roma con le accuse di falso, rivelazione del segreto d’ufficio e depistaggio (a marzo il Riesame ha annullato la misura dell’interdizione dal servizio per un anno per il carabiniere, confermando il suo reintegro nel posto di lavoro. La Cassazione ha confermato il provvedimento del Riesame).

Il neo assessore alla legalità era stato menzionato dall’ex Premier Matteo Renzi che il 4 luglio in un videomessaggio su Facebook aveva detto ironicamente: “Il principale accusatore della mia famiglia ora fa l’assessore con Forza Italia, a pensar male si fa peccato – proseguì Renzi – ma spesso si indovina”. Una battuta alla quale Scafarto non replica. “Io non ho alcuna velleità politica, ma dopo 23 anni di servizio in diverse città d’Italia mi stuzzicava l’idea di poter fare qualcosa per la città in cui sono nato e cresciuto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beppe Grillo compie 70 anni e rilancia: “Ora su Marte per il Movimento 6 Stelle”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Fratoianni a Salvini e Toninelli dopo l’esclusiva del Fatto: “Cercate militari che iniziano a raccontare verità”

next