I guai giudiziari di Denis Verdini non finiscono mai. Dopo la condanna in appello per il crack del credito fiorentino arriva una richiesta di pena. La Procura di Roma ha invocato una condanna a 2 anni per l’ex parlamentare e coordinatore del Pdl, accusato di finanziamento illecito nell’ambito dell’inchiesta sulla compravendita, nel gennaio del 2011, di un immobile in via della Stamperia, nel cuore di Roma, che in poche ore fruttò una plusvalenza record di 18 milioni di euro. Il pm Erminio Amelio ha inoltre chiesto una condanna a 5 anni per l’ex senatore di Forza Italia, Riccardo Conti accusato di truffa aggravata in concorso con Angelo Arcicasa, all’epoca dei fatti presidente dell’Enpap, l’Istituto di previdenza degli psicologi, per il quale sono stati chiesti 4 anni e 10 mesi.

Dopo il rinvio a giudizio (22 settembre 2014) l’ex senatore aveva detto di “essere estrano a ogni accusa”. Secondo l’accusa, Arcicasa fece acquistare all’ente l’immobile per 44,5 milioni di euro dalla società Estatedue Srl, amministrata da Conti, che poche ore prima l’aveva comprata per 26 milioni. Nei confronti di Arcicasa e Conti l’accusa è di concorso in truffa aggravata mentre Verdini, che nell’operazione di compravendita non ha avuto nessun ruolo, deve rispondere appunto di finanziamento illecito assieme al suo collega di partito. L’ex coordinatore del Pdl avrebbe, infatti, ricevuto da Conti circa un milione di euro pochi giorni dopo la compravendita dello stabile: 3.900 metri quadri distribuiti su cinque piani nel pieno centro storico di Roma, in via della Stamperia 64. A Conti la Procura contesta anche i reati di finanziamento illecito e omesso versamento dell’Iva per oltre 8,6 milioni di euro nel 2011.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Niccolò Bettarini, restano in carcere i quattro fermati. Il gip di Milano: “Amico lo ha salvato dalla morte”

prev
Articolo Successivo

Caso Marrazzo, processo iniziato 6 anni fa: procura chiede condanne fino a 12 anni per 4 carabinieri

next