Radio Rock 106.6 continua il suo tour canoro per sondare i pareri dei politici nostrani sullo scottante tema dell’immigrazione. Questa volta a finire davanti ai microfoni del Karaoke Reporter Dejan Cetnikovic è stato Carlo Cottarelli. L’ex premier incaricato ha messo alla prova le proprie corde vocali con un brano di Lucio Battisti: “Per una lira”.

Impossibile non collegarlo alle diverse proposte partitiche di ritorno alla nostra vecchia moneta: “Sarebbe un errore. Un po’ come buttare via tutti i sogni di un’Europa unita”. Sui migranti, poi, Cottarelli ha espresso un giudizio netto: “Siamo un Paese che ha bisogno di un’immigrazione regolare e sono anche a favore dello ius soli”. A suffragio di questa idea, l’economista ha precisato: “Basti pensare a tanti lavori nella Pianura Padana, come chi munge le mucche. Questi lavori non li fanno più gli italiani, quindi abbiamo bisogno di qualcuno che li faccia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Masha e Orso vanno ai Mondiali di Russia: le nuove avventure della coppia di amici dal 28 giugno su DeAJunior

next