I Mondiali di calcio sono un evento talmente trasversale da riuscire a contaminare anche mondi apparentemente distanti come i cartoni animati. Già, anche le serie per bambini quest’anno strizzano l’occhio al Fifa World Cup 2018 made in Russia: i produttori di Masha e Orso, in special modo, hanno realizzato cinque brevi episodi speciali del cartone che racconta l’amicizia di una bambina e un grande orso. Le clip, in onda da giovedì 28 giugno sul canale DeAJunior (623 di Sky), alle ore 16 e alle ore 20, racconteranno a un pubblico prescolare il mondo dello sport, cercando di trasmettere loro valori come l’amore per il gioco, il rispetto nei confronti dell’avversario, il fair play e l’importanza dello stare insieme.

Non è un caso che i produttori di Masha e Orso abbiano deciso di dedicare alcuni episodi al campionato tutt’ora in corso in Russia: la serie per bambini più amata del momento, nata nel 2009 e sbarcata in Italia nel 2011, arriva proprio dallo Stato presiduto da Vladimir Putin. I due personaggi principali sono infatti liberamente ispirati al folkrore russo e il personaggio principale, Masha, veste un abitino tradizionale russo color fucsia. Un’occasione dunque per trasmettere i valori sportivi ai più piccoli e, soprattutto, valorizzare il proprio Paese grazie a una vetrina importante come solo i Mondiali sanno essere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pechino Express, Eleonora Brigliadori dopo l’esclusione: “Avevo bisogno di andare, sono sul lastrico”

next
Articolo Successivo

Cottarelli canta Battisti: “Per una lira vendo tutti i sogni miei…” e sui migranti: “Ne abbiamo bisogno”

next