Circa 7 anni fa un’auto invase la nostra carreggiata e distrusse la nostra vettura: io, mio marito e i bambini ci salvammo per miracolo. Da allora abbiamo deciso di non ricomprarla.

Giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, le nostre motivazioni si sono rafforzate e approfondite. Ci siamo organizzati, abbiamo conosciuto tante altre famiglie senz’auto, creato una rete e la nostra scelta di vita è diventato impegno civile e politico. Sabato scorso il primo raduno delle Famiglie senz’auto, e oggi una lettera aperta ai ministri per chiedere più mobilità sostenibile e incentivi per chi sceglie questa vita.

Gentilissimi ministro dell’Ambiente Sergio Costa e ministro dei Trasporti Danilo Toninelli,

ci presentiamo: siamo famiglie che dal Nord al Sud dell’Italia hanno scelto (o stanno cercando) di fare a meno dell’auto, per motivazioni etiche, ambientali, economiche, di salute e sicurezza. Ci siamo da poco incontrati a Bologna per il raduno Famiglie senz’auto, con grande rilievo datoci dai media.

In un’Italia dove l’auto è status symbol, con un tasso di motorizzazione altissimo (62 auto ogni 100 abitanti), molto più alto della media europea (51 auto ogni 100 abitanti) e secondo solo al Lussemburgo, non avere l’auto fa scalpore. Eppure rinunciare all’auto (e condividerla tra più famiglie) è una scelta che il Governo dovrebbe incentivare e facilitare: meno auto in circolazione vuol dire meno inquinamento dell’aria, più spazio per pedoni e ciclisti, città più vivibili, meno consumo di suolo, meno incidenti, meno malattie, risparmio economico per le famiglie e per lo Stato, più turismo sostenibile.

Noi e i nostri figli viaggiamo in bici, a piedi, in treno, in bus, o quando necessario facciamo carpooling o carsharing. Mentre in tanti Paesi nordeuropei questo stile di vita è la normalità, in Italia non è facile vivere senz’auto. La maggior parte delle città italiane non sono bike friendly né amiche dei bambini in movimento. Lo spazio pubblico è letteralmente invaso dalle auto che sostano fin sopra i marciapiedi, le scuole sono assediate dalle auto e dallo smog. Nella maggior parte delle città e paesi mancano sufficienti spazi verdi, piste ciclabili, carsharing, incentivi alla mobilità sostenibile. Mancano mezzi pubblici capillari ed efficienti, soprattutto nell’entroterra e nel Sud Italia, dove interi paesi sono isolati. Nei treni Ic non ci sono vagoni per le bici né spazi per i passeggini.

Eppure le statistiche dicono che prendere la patente e avere l’automobile non è oggi più una priorità per i giovani. La mentalità sta (per fortuna) cambiando, il modello dell’auto di proprietà comincia ad essere superato dalle nuove generazioni, a favore dei mezzi pubblici, delle bici, delle auto elettriche condivise.

Ma il governo e le istituzioni devono favorire questo cambiamento. È necessario investire nei mezzi pubblici (non solo nell’alta velocità ma anche e soprattutto nei treni regionali e su una rete capillare efficiente di bus), nell’intermodalità (treni+bici, bus+bici), nei percorsi pedonali e ciclabili sicuri, nelle corsie preferenziali e nei sistemi di priorità semaforica per i mezzi pubblici, nelle zone 30, nelle isole pedonali e a traffico limitato davanti le scuole e nei centri storici. Ci aspettiamo, così come chiede la Fiab e altre associazioni per la mobilità sostenibile con cui siamo in contatto, che il Codice della strada venga presto riformato a tutela degli utenti deboli (pedoni e ciclisti).

Chiediamo ai ministri dell’Ambiente e dei Trasporti di compiere queste prime urgenti e significative azioni:

1. discutere nella conferenza Stato-Regioni e con Trenitalia la petizione che abbiamo lanciato mesi fa per rendere gratuiti i mezzi pubblici per bambini e ragazzi fino a 15 anni accompagnati, onde favorire le famiglie con bambini che viaggiano con i mezzi pubblici.

2. Una politica nazionale sul bike to work, come già avviene in Francia Belgio, che renda obbligatori gli incentivi a chi va al lavoro in bici.

3. Incentivi fiscali alle famiglie con bambini che scelgono di non avere un’auto.

4. come atto simbolico dichiarare entro il 4 ottobre “carfree” i dicasteri dell’Ambiente e dei Trasporti, lanciando la sfida “Carfree challenge” a tutte le istituzioni pubbliche (così come è stata lanciata la sfida “plastic free“): cioè ridurre i parcheggi, invitare e incentivare chi lavora in queste istituzioni a raggiungere il luogo del lavoro in bici, mezzi pubblici o carpooling, dando buon esempio a tutta la cittadinanza.

In attesa di una vostra risposta e di un possibile incontro,
porgiamo cordiali saluti,
Portavoce Gruppo famiglie senz’auto

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diesel, taglio agli incentivi? Il ministero dell’Ambiente: “Noi al lavoro su trasporto pubblico locale elettrico e ibrido”

next
Articolo Successivo

Bologna, per l’urbanistica prenda esempio da Napoli

next