Nelle immagini, l’arrivo della nave Dattilo della Guardia Costiera nel porto di Valencia, all’alba del 17 giugno. A bordo della nave italiana 274 migranti trasbordati dalla nave Acquarius di Medici senza Frontiere fermata per alcuni giorni a largo delle cose siciliane prima di intraprendere il viaggio verso la Spagna in seguito alla decisione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini di chiudere i porti italiani all’attracco delle navi con a bordo migranti. Nel porto di Valencia la Croce Rossa ha allestito tendoni, presenti 1000 volontari e 500 traduttori per effettuare un primo screening sulla salute dei migranti che sono rimasti in mare per nove giorni.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Aquarius, al porto di Valencia la Croce Rossa è pronta all’accoglienza dei migranti. Team di psicologi e medici

next
Articolo Successivo

“Il mio nemico”, su Sky Luigi Pelazza racconta in soggettiva l’orrore dello Stato Islamico e della guerra in Libia

next