Nelle immagini, l’arrivo della nave Dattilo della Guardia Costiera nel porto di Valencia, all’alba del 17 giugno. A bordo della nave italiana 274 migranti trasbordati dalla nave Acquarius di Medici senza Frontiere fermata per alcuni giorni a largo delle cose siciliane prima di intraprendere il viaggio verso la Spagna in seguito alla decisione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini di chiudere i porti italiani all’attracco delle navi con a bordo migranti. Nel porto di Valencia la Croce Rossa ha allestito tendoni, presenti 1000 volontari e 500 traduttori per effettuare un primo screening sulla salute dei migranti che sono rimasti in mare per nove giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aquarius, al porto di Valencia la Croce Rossa è pronta all’accoglienza dei migranti. Team di psicologi e medici

prev
Articolo Successivo

“Il mio nemico”, su Sky Luigi Pelazza racconta in soggettiva l’orrore dello Stato Islamico e della guerra in Libia

next