“Renzi mi chiama ‘collega’? Perché è un professore lui?”. A rispondere con ironia ai cronisti, fuori da Palazzo Madama, è il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a proposito dell’intervento in Senato di Matteo Renzi, che lo aveva definito “collega” perché primo ministro “non votato dagli elettori”. “Contento per la fiducia e per i numeri” ha detto anche Conte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Salvini insiste: “La pacchia è strafinita. Basta coi clandestini in albergo a guardare la tv”

prev
Articolo Successivo

Lazio, Murra coordinatore dell’Avvocatura regionale tra perplessità sul bando e il giudizio davanti alla Corte dei Conti

next