Infrastrutture e Trasporti: Danilo Toninelli – Nato a Soresina, in provincia di Cremona, 44 anni, è l’unica sorpresa nella riformulazione della lista dei ministri dallo shock di domenica alla squadra definitiva di Conte. Al secondo mandato da parlamentare, nella scorsa legislatura è stato l’uomo dei regolamenti, delle questioni istituzionali e delle riforme elettorali del Movimento Cinque Stelle. Tra le altre cose è stato vicepresidente della commissione Affari costituzionali della Camera. Rieletto, è stato indicato come capogruppo al Senato del M5s e ha affiancato Di Maio nelle estenuanti consultazioni al Quirinale.

Dal 1999 al 2001 ufficiale di complemento dell’Arma dei Carabinieri, poi ispettore assicurativo dal 2002 al 2013 a Bergamo e Brescia, è attivista del M5s dal 2009. Prima di approdare in Parlamento si era già candidato due volte nella sua regione senza essere eletto: alle Regionali della Lombardia nel 2010 e alle Comunali nel 2012 a Crema (prese 9 preferenze). Nella scorsa legislatura ha firmato, oltre alla riforma elettorale cosiddetta Democratellum (un proporzionale quasi puro), anche una proposta di legge costituzionale per l’abolizione delle Province. Per tutti questi motivi sembrava certo che diventasse ministro per le Riforme istituzionali. E invece è diventato titolare del ministero che in una prima versione del governo Conte sarebbe dovuto andare a Mauro Coltorti, un manager in quota Lega. Il suo sarà un compito complicato perché proprio sulle infrastrutture si prevedono le principali differenze di vedute. A partire dalla Tav.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo Conte, Salvini: “Speriamo non ci siano altre sorprese”. Di Maio esce di casa col sorriso

next
Articolo Successivo

Governo Conte, nasce il nuovo centro-destra (col trattino). Per contrastarlo altro che Fronte

next