Salute: Giulia Grillo – Presenza silenziosa dietro Luigi Di Maio durante le consultazioni per il governo, Grillo in passato si è fatta conoscere per i suoi interventi alla Camera. E la maggior parte erano appunto sulla sanità. Originaria di Catania, 42 anni, laureata in Medicina e chirurgia con una specializzazione in Medicina legale, anatomopatologa, è un’attivista della prima ora. Ha già svolto un mandato in Parlamento nella scorsa legislatura ed è stata anche portavoce del gruppo: proprio in quel frangente si è fatta apprezzare dai suoi, per i modi definiti “moderati“, ma al tempo stesso incisivi. Ma soprattutto le è stata riconosciuta la capacità di gestire il gruppo, tanto da farla diventare la prima capogruppo a Montecitorio in questo secondo mandato. Stando al programma del governo, dovrà intervenire sui metodi di selezione dei dirigenti sanitari, sulla riduzione del ticket e spingere per un piano di assunzioni. Quanto ai vaccini, è stata contraria al decreto Lorenzin, ma in un’intervista a ridosso delle elezioni del 4 marzo ha detto che “l’obbligo è una giusta misura in caso di aumento contagi o di crollo delle coperture”.

INDIETRO

Governo Conte, chi sono i ministri: da Di Maio e Salvini (con i fedelissimi) agli “istituzionali” come Moavero. Poi il prof di educazione fisica e il generale che indagò su Terra dei Fuochi

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Conte, Salvini: “Speriamo non ci siano altre sorprese”. Di Maio esce di casa col sorriso

prev
Articolo Successivo

Governo Conte, nasce il nuovo centro-destra (col trattino). Per contrastarlo altro che Fronte

next