Alla Farnesina un montiano che iniziò con Ciampi, Moavero Milanesi. All’Economia un eurocritico vicino a Brunetta. All’Ambiente il generale dei forestali della Terra dei Fuochi. Fino ai grillini della prima ora che guideranno ministeri “pesanti” come la Giustizia (Bonafede) e le Infrastrutture (Toninelli). E poi i due leader che volevano fare il presidente del Consiglio e saranno invece vice: Luigi Di Maio e Matteo Salvini “affiancheranno” il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ma saranno a capo di due dicasteri fondamentali nei loro programmi di governo, cioè Lavoro e Sviluppo e gli Interni. In totale sono 20: solo 5 le donne (di cui tre senza portafoglio). Sono 9 in quota M5s (di questi sei erano già nella squadra ideale presentata da Di Maio prima del voto e i restanti tre erano stati eletti in Parlamento), 7 in quota Lega (compresi i tecnici) e due indipendenti. Ecco chi sono i ministri del governo nato 88 giorni dopo le elezioni politiche del 4 marzo. (E’ possibile scorrere le pagine o cliccare sul nome del ministro)

Presidente del Consiglio dei ministri: Giuseppe Conte (Indipendente in quota M5s)

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio e segretario del Consiglio: Giancarlo Giorgetti (Lega)

Vicepresidente e ministro del Lavoro, del Welfare e dello Sviluppo: Luigi Di Maio (M5s)

Vicepresidente e ministro dell’Interno: Matteo Salvini (Lega)

Ministri senza portafoglio
Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta: Riccardo Fraccaro (M5s)

Pubblica amministrazione: Giulia Bongiorno (Lega)

Affari regionali e autonomie: Erika Stefani (Lega)

Sud: Barbara Lezzi (M5s)

Famiglia e disabilità: Lorenzo Fontana (Lega)

Affari europei: Paolo Savona (Indipendente in quota Lega)

Ministri con portafoglio
Affari esteri e cooperazione internazionale: Enzo Moavero Milanesi (Indipendente)

Giustizia: Alfonso Bonafede (M5s)

Difesa: Elisabetta Trenta (Indipendente in quota M5s)

Economia e finanze: Giovanni Tria (Indipendente)

Infrastrutture e trasporti: Danilo Toninelli (M5s)

Politiche agricole, alimentari e forestali: Gian Marco Centinaio (Lega)

Ambiente e tutela del territorio e del mare: Sergio Costa (Indipendente in quota M5s)

Istruzione, università e ricerca: Marco Bussetti (Indipendente in quota Lega)

Beni e attività culturali e turismo: Alberto Bonisoli (indipendente in quota M5s)

Salute: Giulia Grillo (M5S)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo Conte, Salvini: “Speriamo non ci siano altre sorprese”. Di Maio esce di casa col sorriso

next
Articolo Successivo

Governo Conte, nasce il nuovo centro-destra (col trattino). Per contrastarlo altro che Fronte

next