Carlo Castagna, 75 anni, è morto nella notte in ospedale a Como. Nella strage di Erba, avvenuta l’11 dicembre 2006, ha perso la moglie Paola Galli, la figlia Raffaella e il nipotino Youssef Marzouk. Oltre a loro, è stata uccisa a colpi di coltello e spranga la vicina di casa Valeria Cherubini, mentre il marito Mario Frigerio è sopravvissuto alle ferite (ed è stato il teste fondamentale del processo). Per la strage sono stati condannati in via definitiva all’ergastolo i vicini di casa Olindo Romano e Rosa Bazzi.

I funerali di Castagna si svolgeranno nel pomeriggio di lunedì a Erba. L’uomo, noto imprenditore immobiliare della zona, era profondamente religioso ed era arrivato a perdonare gli autori del massacro. Un tema, questo, affrontato anche nel suo libro “Il perdono di Erba”. Castagna ha anche donato alla Caritas nel 2016 la casa di via Diaz dove hanno perso la vita i suoi familiari. “Oggi papà ci ha lasciati”, ha scritto su Facebook Pietro Castagna, uno dei figli di Carlo. “Ne abbiamo passate tante insieme, ma tu eri per noi sempre una guida, un esempio da seguire e ammirare, e pur sapendo che adesso sarai felice perché hai ritrovato la tua Polly, Raffaella e il piccolo Fefè, a noi lasci una voragine immensa e ci mancherai infinitamente. Riposa in pace papà”.

Intanto l’iter giudiziario che ha portato i due coniugi Olindo e Rosa alla condanna definitiva per pluriomicidio non si è ancora concluso definitivamente. La Cassazione, infatti, nell’aprile 2017 ha annullato con rinvio l’ordinanza con la quale la corte d’appello Brescia aveva dichiarato inammissibile la richiesta di incidente probatorio avanzata dai due. Via libera, dunque, all’analisi di nuovi reperti che – secondo la difesa –  non sono mai stati presi in considerazione durante le indagini sulla strage. Qualora la richiesta fosse accolta, i due coniugi potrebbero quindi procedere con l’istanza di revisione del processo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, trovato un corpo a Bardonecchia. È il primo sul versante italiano: “Passato di qui col gelo dell’inverno”

prev
Articolo Successivo

Rieti, l’ispezione di Anas e M5s nella galleria della Valnerina: inaugurata 4 anni fa è chiusa da mesi per “problemi strutturali”

next