Un bambino di 11 anni, di origine pakistana, è scomparso da venerdì pomeriggio alle 16 a Mirandola, nel Modenese. I parenti hanno denunciato la scomparsa ai carabinieri, che hanno avviato ufficialmente le ricerche una volta trascorse le 24 ore di rito.

La zia del bambino, che sabato sera avrebbe dovuto partecipare alla recita della sua classe, ha raccontato di aver visto il nipote per l’ultima volta venerdì pomeriggio, poco prima di prendere i due figli da scuola. Proprio gli zii, in serata, non vedendo rientrare il nipote hanno denunciato la scomparsa ai carabinieri della stazione di Mirandola.

Le indagini sono in corso e la foto del bambino è stata diramata alle forze dell’ordine anche fuori provincia. La notizia si era subito sparsa in paese dopo essere stata diffusa in una chat di classe, poi è comparsa sui giornali locali e nel pomeriggio di sabato è stata confermata dai militari dell’Arma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, il cimitero degli orrori: “Tombe violate per vendere loculi”. Quattro arresti: indagato anche l’ex parrocco

next
Articolo Successivo

Georgofili, nell’anniversario della strage recuperata l’opera distrutta. Ma Schmidt disse: ‘Riapriamo il Corridoio Vasariano’

next