L’albero più vecchio d’Europa è “Italus“, un pino loricato di 1.230 anni che sorge nel Parco Nazionale del Pollino, area protetta suddivisa tra le province di Cosenza, Potenza e Matera. A stabilirne l’età è stato un team di ricercatori che hanno pubblicato il loro lavoro sulla rivista “Ecology, Ecological Society of America“. “La ricerca – riferisce un comunicato del Parco nazionale del Pollino – è stata condotta con un metodo innovativo, che combina la dendrocronologia e la datazione al radiocarbonio di campioni di tronchi e radici”.

“Negli ultimi 5 anni il Parco Nazionale del Pollino – ha detto il presidente dell’area protetta, Domenico Pappaterra – ha condotto, nell’ambito della Direttiva Biodiversità del Ministero dell’Ambiente, una serie di studi sul Pino loricato per migliorare la conoscenza di questa specie. Una ricerca che ha riguardato tre argomenti principali: lo studio dell’areale, la genetica di popolazione e la dendrocronologia”.

Il Pino loricato, si legge sul sito del Parco, “vive in Europa nella penisola Balcanica e in Italia in maniera naturale esclusivamente in quella parte dell’Appennino Calabro-Lucano rientrante nel perimetro del Parco Nazionale del Pollino, con popolamenti localizzati sui gruppi montuosi.” Per questa unicità, oltre che per la sua bellezza, il pino loricato è stato scelto come emblema del Parco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Pesticidi sintetici proibiti ad agricoltori, industrie, importazione”. In Svizzera promosso un referendum

next
Articolo Successivo

Allevamenti lager con Fq MillenniuM, a che prezzo troviamo uova e prosciutto al supermercato

next