Matteo Garrone è tornato sulla Croisette per la quarta volta, a tre anni di distanza da Il racconto dei racconti. Il suo Dogman, dopo la prima proiezione, ha ricevuto dieci minuti di applausi al Grand Théâtre Lumière. In sala c’erano anche i due attori Marcello Fonte ed Edoardo Pesce. “Con Dogman ho fatto del mio meglio – ha detto Garrone – ho raccontato una storia di riscatto. Il prossimo film? Spero sia Pinocchio“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cannes, John Travolta in versione Pulp Fiction: si scatena e il red carpet diventa una pista da ballo

prev
Articolo Successivo

Dogman, metti il cagnetto (e Garrone) nel freezer

next