Matteo Garrone è tornato sulla Croisette per la quarta volta, a tre anni di distanza da Il racconto dei racconti. Il suo Dogman, dopo la prima proiezione, ha ricevuto dieci minuti di applausi al Grand Théâtre Lumière. In sala c’erano anche i due attori Marcello Fonte ed Edoardo Pesce. “Con Dogman ho fatto del mio meglio – ha detto Garrone – ho raccontato una storia di riscatto. Il prossimo film? Spero sia Pinocchio“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannes, John Travolta in versione Pulp Fiction: si scatena e il red carpet diventa una pista da ballo

next
Articolo Successivo

Dogman, metti il cagnetto (e Garrone) nel freezer

next