Sulla montée de marche di Cannes era arrivata vestita di nero, con il pugno alzato in segno di vittoria e un sorriso quasi sereno. Salita sul palco per premiare la migliore attrice dal viso di Asia Argento, che l’ottobre scorso denunciò di essere una delle vittime dell’ormai ex produttore Harvey Weinstein, è sparito il sorriso e ha iniziato a parlare. “Nel 1997 sono stata stuprata da Harvey Weinstein qui a Cannes. Avevo 21 anni. Questo festival era il suo territorio di caccia. Voglio fare una previsione: Harvey Weinstein non sarà mai più benvenuto qui. Vivrà in disgrazia, escluso dalla comunità che un tempo lo accoglieva e che ha nascosto i suoi crimini. E perfino stasera, seduti tra di voi, ci sono quelli che ancora devono essere ritenuti responsabili per i loro comportamenti contro le donne, che non sono accettabili in questo settore. Sapete chi siete. Ma soprattutto noi sappiamo chi siete. E non vi permetteremo più di farla franca”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Dogman Marcello Fonte dalle lamiere di una baracca agli applausi di Cannes: “Non ho preso subito il premio per godermelo di più”

prev
Articolo Successivo

Il Dogman Marcello Fonte dalle lamiere di una baracca agli applausi di Cannes: “Non ho preso subito il premio per godermelo di più”

next