La polizia li ha soprannominati “i ladri sportivi” per la loro capacità di entrare nelle palestre del centro di Milano e forzare le cassette di sicurezza davanti agli spogliatoi. Gli agenti dell’ufficio prevenzione generale della Questura hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Stefano Pellegrino, incensurato di 47 anni, e Giacomino Iussi, 48enne con precedenti, accusati di aver commesso un furto all’interno della Virgin di piazza Cavour. Secondo le indagini, lo scorso 29 novembre hanno forzato tre cassette di sicurezze portando via due Rolex del valore complessivo di 20mila euro, un Audemars Piguet di 20 mila euro, un Seiko, portafogli con carte di credito e cellulari. I ladri erano tre, il terzo complice non è stato ancora catturato. Quest’ultimo e Iussi sono italiani di etnia rom e vivono in campi nomadi attorno Torino. Il gruppo era ben organizzato. Subito dopo aver forzato le cassette e aver preso il bottino, un complice ha passato a Pellegrino il portafogli per fargli incollare la propria foto tessera sulla carta d’identità della vittima. Con la carta di credito appena rubata è andato al vicino negozio Chanel nel Quadrilatero della moda per comprare una borsa da 9 mila euro. Alle 14.17, circa mezz’ora dopo il furto in palestra, ha comprato un Rolex da 8.300 euro in una gioielleria in via Dell’Orso e alle 14.42 ha prelevato 250 euro in via Melchiorre Gioia. Sono sospettati di aver commesso altri furti dello stesso tipo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Padova, sindaca perseguitata per tre anni da stalker. Uomo arrestato perché aveva pistola con matricola abrasa in casa

prev
Articolo Successivo

Caro Fontana, è ora di provare History health: la soluzione al sistema sanitario lombardo

next