La musica dei Modena City Ramblers e Onda pazza

“Uno, due, tre, quattro, cinque, dieci, cento passi…”. Chi non l’ha cantata la canzone dei Modena City Ramblers dedicata a Impastato? Uscita nel 2004 è entrata a far parte della musica ballata in ogni manifestazione contro la mafia e non solo. La canzone è nata proprio all’indomani del film. Il gruppo dopo aver conosciuto il fratello e la madre di Impastato ha deciso di dedicare a lui questo testo presentato anche nella piazza di Cinisi.

Ventisei canzoni per Peppino Impastato è uscito per il trentennale della scomparsa di Peppino. È un doppio cd, contenente ventisei tracce molto particolari. Si tratta di poesie e racconti dello stesso Impastato, rielaborati e modificati, dove necessario, da Gandolfo Schimmenti e musicati dagli artisti che si sono resi disponibili al progetto. Tra gli artisti che hanno partecipato alla realizzazione del disco figurano i Modena City Ramblers, la Gang, Carmen Consoli e i Lautari, Marina Rei, Stefano Giaccone e Mario Congiu, i 24 Grana, Marlene Kuntz, gli Uzeda e gli Yo Yo Mundi.

Se qualcuno vuole ascoltare la voce di Impastato e la sua trasmissione Onda pazza trasmessa in quegli anni da Radio Aut, Stampa Alternativa ha pubblicato la raccolta Onda Pazza che comprende due cd.

Peppino Impastato: film, musica e libri per conoscerlo. Da “I cento passi” di Giordana fino ai Modena City Ramblers

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Peppino Impastato, l’inchiesta sul depistaggio e la pista che arriva a Gladio: tutti i pezzi mancanti 40 anni dopo l’omicidio

prev
Articolo Successivo

Peppino Impastato vive

next