I libri: da Peppino Impastato, un giullare contro la mafia fino a Cara Felicia

Impastato amava la letteratura e la poesia. Non sono facili da trovare ma al “Centro Impastato” o alla “Casa Memoria” di Cinisi, il centro nato nell’abitazione di Peppino gestito dal fratello Giovanni, si può ancora trovare “Lunga è la notte”, poesie, scritti, documenti di Peppino raccolti dallo storico Umberto Santino, la persona che più di ogni altro ha studiato il movimento antimafia in Sicilia.

Anche La mafia in casa mia (edizioni “La Luna”) di Felicia Bartolotta, la madre del giovane ammazzato dalla mafia, è entrato a far parte della storia. La donna, morta il 7 dicembre del 2004, per anni dopo la morte del figlio ha aperto la casa ai giovani per raccontare loro la storia di Peppino. Parlava in dialetto siciliano ma si faceva capire molto bene. Il libro è nato da un’intervista fatta da Umbertino Santino e dalla moglie Anna Puglisi.

Per conoscere la vicenda di Impastato, del resto, bisogna passare attraverso la storia della madre che ha sostenuto un lungo processo e una battaglia per arrivare alla verità e alla condanna di Badalamenti. Cara Felicia pubblicato dal Centro siciliano di documentazione “Impastato” è una raccolta preziosa di documenti, messaggi, testimonianze che mostrano proprio l’impegno della madre e non solo dopo la morte di Peppino.

Per chi vuole approfondire la vicenda resta importante avere in libreria Peppino Impastato: anatomia di un depistaggio (Editori Riuniti). Il testo raccoglie la relazione della commissione parlamentare antimafia e una serie di contributi di politici e giornalisti che hanno seguito il caso.

A scrivere di Peppino è anche il fratello Giovanni che per Piemme ha pubblicato Oltre i cento passi, un libro che fa il punto della situazione delle mafie e dell’antimafia dal 1977 ad oggi. Quarant’anni di storie raccontate da chi le ha vissute sulla propria pelle.

Ma ci sono anche libri per i più giovani. Per avvicinarsi alla storia di Peppino, Davide Morosinotto ha scritto Peppino Impastato, una voce libera, (Einaudi Ragazzi) entrato a far parte della collana Semplicemente eroi. Un testo che racconta del coraggio e della forza dell’ironia che ha il giovane di Cinisi. E per gli appassionati di fumetti le edizioni “Becco Giallo” nel 2016 hanno fatto uscire Peppino Impastato, un giullare contro la mafia.

Chi ha conosciuto bene Impastato è Salvo Vitale, ex professore al liceo scientifico di Partinico e compagno di lotta di Peppino. L’insegnante ora in pensione non ha smesso di portare in giro per l’Italia quel pezzo di storia di cui è stato protagonista grazie anche al libro Peppino Impastato. Una vita contro la mafia (Rubbettino).

Appena uscito per celebrare i 40 anni dalla strage è invece il libro di Ivan Vadori La voce di Impastato (Nuova Dimensione): un’inchiesta giornalistica che dipana i fili del rapporto tra Stato e mafia partendo dall’attivismo di Peppino fino ad arrivare a Mafia Capitale e alle mafie al Nord. Un libro nato dalle interviste con don Luigi Ciotti, Gian Carlo Caselli, Franca Imbergamo, Lirio Abbate e Carlo Lucarelli.

INDIETRO

Peppino Impastato: film, musica e libri per conoscerlo. Da “I cento passi” di Giordana fino ai Modena City Ramblers

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Peppino Impastato, l’inchiesta sul depistaggio e la pista che arriva a Gladio: tutti i pezzi mancanti 40 anni dopo l’omicidio

prev
Articolo Successivo

Peppino Impastato vive

next