Cinisi, i luoghi per conoscere Peppino Impastato

Chi ha la possibilità di andare in Sicilia può fare tappa a Cinisi per addentrarsi dentro i luoghi di Impastato. Arrivati nella cittadina, alle spalle dell’aeroporto “Falcone e Borsellino”, sulla via principale, corso Umberto, c’è la casa dove ha abitato oggi trasformata in un luogo di memoria dove si possono ancora vedere i suoi libri, la sua stanza, la macchina da scrivere.

Fino al 2004 era possibile incontrare la madre oggi è facile trovare il fratello Giovanni che continua a lavorare nella pizzeria di famiglia.

E sono davvero cento i passi che distano da casa Badalamenti, oggi confiscata al boss e consegnata alla cittadinanza: un percorso da fare seguendo le piastrelle artistiche messe a terra.

In fondo a corso Umberto, nella piazza del paese, è possibile rivedere i luoghi raccontati nel film di Giordana e fotografati, tra gli altri, da Letizia Battaglia.

Abbandonato il centro del paese, lasciato alle spalle il corso principale, andando in direzione del mare, una volta attraversata la ferrovia è possibile proseguendo la strada verso l’aeroporto, andare nella contrada (oggi abitata) dove venne ucciso Impastato. Una viuzza sterrata vi porta al casolare e al binario dove è stato massacrato dai mafiosi. Infine a Terrasini, non c’è più Radio Aut ma è ancora possibile grazie ad una targa vedere dov’era l’emittente fondata per prendere in giro Badalamenti e per fare musica e cultura per il paese.

Peppino Impastato: film, musica e libri per conoscerlo. Da “I cento passi” di Giordana fino ai Modena City Ramblers

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Peppino Impastato, l’inchiesta sul depistaggio e la pista che arriva a Gladio: tutti i pezzi mancanti 40 anni dopo l’omicidio

prev
Articolo Successivo

Peppino Impastato vive

next