Le avevano chiesto 187mila euro promettendole un investimento immobiliare in Francia. Ma Gabriele Defilippi e il suo complice Roberto Obert, autori della truffa ai danni di Gloria Rosboch, hanno investito parte di quella cifra in bitcoin. La donna, 49 anni, è stata strangolata e ritrovata morta il 19 febbraio 2016 in una vasca di una ex discarica a Rivara, in provincia di Torino. A ucciderla il suo ex allievo Defilippi e il suo amante Obert, rispettivamente condannati con rito abbreviato a 30 e 19 anni. La madre di Defilippi, Caterina Abbattista, è al momento sotto processo per concorso in omicidio e truffa ed è stata fissata per il 22 maggio l’udienza in Corte d’Assise. I messaggi con la richiesta del denaro relativi alla promessa fasulla dell’investimento erano stati cancellati dopo l’omicidio della professoressa, ma ne è rimasta traccia negli archivi di Facebook e Google. Motivo per cui la procura di Ivrea aveva presentato una rogatoria internazionale. Le autorità americane hanno consegnato alla procura parte dei dati, dai quali però sono stati esclusi “per questioni di privacy” i messaggi personali intercorsi tra madre e figlio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luca Traini, procura contesta nuova legge su propaganda razziale. Imputato dà consenso ad abbreviato

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, finanziavano jihadisti in Siria con hawala e immigrazione clandestina: 14 arresti. Il capo in Svezia: “Ho un ufficio che lavora in tutta Europa”

next