Certo che ho paura, ma lo dovevo fare per i miei figli”. Marian risponde con coraggio alle nostre domande. Non ha timore della telecamera.

Marian, cittadino residente in Italia di origini rumene, è il titolare del Roxy Bar di via Barzilai alla Romanina, dove il primo aprile scorso i Casamonica e i Di Silvio hanno aggredito lui e una donna disabile.

Ricordatevi il suo nome e le sue parole: “Io lo rifarei”, ha detto all’inviato di Nemo, Nello Trocchia, quando gli ha chiesto se si era pentito.

Marian è una persona onesta, con famiglia, due figli piccoli.

“Ostentazione del potere su uno spazio che ritengono proprio” ha detto il giudice che ha convalidato gli arresti. I reati contestati: lesioni, minacce e danneggiamento con l’aggravante del metodo mafioso. Sono finiti in carcere Antonio Casamonica, Alfredo, Vincenzo ed Enrico Di Silvio. I primo due sono responsabili dell’aggressione alla donna disabile, gli altri al barista Marian.

Contro i Casamonica alla Romanina – ad oggi – ci sono state solo tre denunce pubbliche: quella di Marian, cittadino rumeno, quella di un cittadino iraniano e quella di una donna disabile.

Di questo parleremo venerdì prossimo nella puntata di Nemo. Del coraggio di cittadini onesti.

Poi ci sono le aggressioni ai giornalisti, ormai all’ordine del giorno. Quanti colleghi in questi mesi hanno subito attacchi verbali e fisici mentre svolgevano il loro lavoro?

Gli ultimi casi: l’aggressione alla collega del Tg1 al quartiere Libertà a Bari, ai colleghi di Striscia la notizia, di Non è l’Arena. L’inviato di #NemoRai2, Nello Trocchia, e il film maker, Giacomo del Buono, stavano semplicemente documentando gli arresti su suolo pubblico. Mentre riprendevano, i familiari hanno inveito e insultato poliziotti e giornalisti, una familiare ha colpito la nostra telecamera con uno schiaffo spaccando il led. Oltre agli insulti, i familiari hanno lanciato contro la nostra troupe anche diversi oggetti, proibendo alla nostra telecamera di avvicinarsi alla casa di Antonio Casamonica.

L’inchiesta integrale verrà trasmessa venerdì, ore 21,20 su Rai2.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raid Casamonica, il blitz della polizia. Uno degli arrestati a giornalisti e fotografi: “Infami, maledetti, pezzi di merda”

next
Articolo Successivo

Roma, bus in fiamme. Raggi: “Mezzi vecchi, li stiamo rinnovando. Quello andato a fuoco aveva 15 anni”

next