Venezia non è un luna park”, si legge in uno dei cartelli mostrati dagli attivisti del centro sociale Morion. Questa mattina il gruppo di no global ha rimosso il tornello del ponte di Calatrava installato sabato 28 aprile per controllare l’accesso dei turisti nella città storica. Le forze dell’ordine, insieme alla Polizia municipale che presidia costantemente il varco di piazzale Roma e quello della stazione Santa Lucia, hanno fronteggiato la protesta. “Abbiamo ripristinato tutto dopo mezz’ora”, ha scritto su Twitter il sindaco Luigi Brugnaro. “Non cadremo nelle provocazioni. Con grande serenità continuiamo a voler regolamentare i flussi per far vivere meglio le persone”.

Dopo avere divelto la struttura situata all’inizio del ponte, i trenta attivisti l’hanno spostata di lato e l’hanno coperta con uno striscione. “Venezia non è una riserva, non siamo in via di estinzione“, si legge. Immediata la risposta del comandante della Polizia municipale, Marco Agostini, che aveva detto all’Ansa: “Ripristineremo quanto prima il varco. Cercano solo pubblicità, vuol dire che la cosa funziona”.

Per spiegare le motivazioni del gesto, il centro sociale Morion ha rilasciato un comunicato. “Le immagini della città sbarrata, dell’ingresso selettivo, della riduzione dell’urbano a parco a tema susciterebbero un sorriso amaro se fossero l’ennesima provocazione dell’ennesimo artista intenzionato a denunciare la progressiva ‘morte di Venezia’. – si legge – Suscitano invece indignazione perché simboleggiano la resa definitiva di un’amministrazione che non solo si copre di ridicolo globale, ma che contemporaneamente alza le mani di fronte all’emergenza esodo, all’impoverimento demografico e sociale della città che amministra”. Una misura, quella presa dal primo cittadino di Venezia, che secondo i no global “non va a colpire il turismo mordi e fuggi, esattamente l’opposto”.

Nella seconda giornata di sperimentazione dei tornelli nella Laguna, l’afflusso di turisti inizia a farsi massiccio. Come riferiscono fonti di polizia, tutti i parcheggi di piazzale Roma sono sold out. Per questo, le auto vengono dirottate al Tronchetto. L’obiettivo della regolamentazione degli ingressi nella città è quello di evitare l’eccessiva calca nelle giornate da “bollino nero”. Proprio come quelle che ci si aspetta per il ponte del 1 maggio.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ramelli, cimitero Maggiore di Milano blindato contro i neofascisti. E il Campo X rimane deserto

next
Articolo Successivo

Tornelli a Venezia, centri sociali rimuovono quello di piazzale Roma dopo un solo giorno: “No cancelli alla città”

next